Frutta e verdura per migliori performance cognitive

Frutta e verdura per migliori performance cognitive
Sulla rivista “Nutrition Review” del dicembre 2014 è stato pubblicato un articolo nel quale si esponeva la teoria che il consumo di frutta, verdura o di succhi di frutta 100% può essere collegato all’aumento delle capacità cognitive. Questa review ha evidenziato che il consumo frequente di frutta, verdura e succhi di frutta al 100% offre maggiore protezione contro le malattie neurodegenerative e può giocare un ruolo importante nel mantenimento della funzione cognitiva, se non addirittura nel po...
Altro

La neofobia alimentare nei bambini

Neofobia alimentare nei bambini
Uno studio recente pubblicato sulla rivista “Int. Journal of Behavioral Nutrition and Physical Activity“, nel Febbraio 2015, ha cercato di investigare i meccanismi di rifiuto degli alimenti non ancora noti nei bambini australiani di circa 24 mesi di età. La neofobia è sostanzialmente la paura di tutto ciò che è nuovo e in contesto alimentare si rileva nei bambini che posseggono un atteggiamento di avversione nei confronti di alimenti a loro ignoti. Nella psicologia umana appunto indica una pa...
Altro

Lo stile di vita in blocchi: piramide alimentare e del movimento a confronto

Piramide alimentare
La vita frenetica dei nostri giorni ci porta sempre più spesso a far nostre cattive abitudini attuando scelte discutibili sia dal punto di vista alimentare che da quello dell’esercizio fisico, con un progressivo aumento della sedentarietà. Da un lato aumenta la disponibilità di cibo, anche se spesso di dubbia qualità, e dall’altro lo sforzo fisico e il movimento sono sempre più contenuti. Questo stile di vita col tempo può provocare l’insorgere di problematiche metaboliche e, più in generale, di...
Altro

Il fruttosio e la salute del fegato

Il fruttosio e la salute del fegato
In un articolo redatto dal Dr. George Bay del Biomedical Research Center (LA) si affronta la tematica relativa ad un’eccessiva assunzione di fruttosio derivata prevalentemente dalle bibite zuccherate ma anche sotto forma di sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio. Negli USA infatti l’assunzione di fruttosio attraverso l’abuso di bibite zuccherate è aumentata di 5 volte dagli anni ’50 agli anni 2000. Riguardo a tale incremento molte metanalisi hanno constatato che il rischio di obesità...
Altro

Il ruolo dei “grassi buoni” nella salute del cuore

Il ruolo dei "grassi buoni" nella salute del cuore
Negli ultimi decenni nella popolazione dei Paesi occidentali si è notato un ormai conclamato aumento di patologie cronico degenerative quali cardiovascolari, diabete, tumorali etc. Questo fatto ha scatenato l’attenzione degli scienziati che negli anni, con i loro studi, hanno ad oggi raggiunto ottimi risultati. Il caso di Ancel Keys, fisiologo statunitense conosciuto soprattutto per i suoi studi epidemiologici delle malattie cardiovascolari, fece molto clamore negli anni cinquanta quando cost...
Altro