I carciofi e le loro proprietà benefiche

I carciofi appartengono alla famiglia delle Asteracee e, come queste, la loro infiorescenza è un capolino (come una margherita) che possiede una base carnosa su cui sono presenti i piccoli fiori tubolari che, quando sbocciano, sono di colore rosato o violaceo. I fiori veri e propri, che si trovano al centro dell’infiorescenza, costituiscono quella che viene detta barba del carciofo, e che viene tolta per cucinare il fiore.

Possono essere classificati in base a:

  • presenza e sviluppo delle spine, per cui si distingue fra varietà spinose e inermi;
  • colore del capolino, per cui si distingue fra varietà violette e verdi;
  • comportamento nel ciclo fenologico, per cui si distingue fra varietà autunnali o rifiorenti e varietà primaverili.

E’ un ortaggio prodotto in pieno campo in diverse regioni italiane, le coltivazioni più estese si trovano in Liguria, Toscana, Sardegna, Lazio e Puglia ed il nostro paese, attualmente, è il maggior produttore e consumatore a livello mondiale. Questo ortaggio ha un periodo di raccolta molto ampio, e per questo motivo è presente ininterrottamente sul mercato da ottobre a maggio.

Il carciofo fornisce un basso apporto calorico, è ricco di minerali (potassio, calcio, fosforo e ferro), mentre ha scarso contenuto in vitamine. E’ inoltre ricco di fibra, con un alto contenuto in inulina.

L’inulina è un polisaccaride (polimero del fruttosio) idrosolubile non digerito dai nostri succhi intestinali, ma metabolizzato dai bifidobatteri e quindi con proprietà prebiotiche perché utile a far proliferare alcuni microrganismi (detti probiotici), che costituiscono la flora batterica utile al nostro organismo in quanto inibiscono l’insediarsi di batteri dannosi. Inoltre è utile a mantenere la funzionalità intestinale e probabilmente anche a controllare i livelli ematici di glucosio e colesterolo. Oltretutto, ricordiamo che la fibra contribuisce al raggiungimento del senso di sazietà, quindi aiuta a limitare il consumo di alimenti a elevata densità energetica.



Questo articolo è stato visto 1274 volte.